Chiarezza sull’emendamento che salvaguarda tutti gli operatori sanitari

Di Maria Lucia Lorefice

In queste ore tanti operatori sanitari si stanno chiedendo cosa realmente prevede l’emendamento alla manovra che riguarda la loro professione. Considerando la falsa informazione che sta circolando in queste ore, è importante fare chiarezza e finirla con un ingiustificato allarmismo. L’emendamento in questione prevede che oltre 20mila operatori sanitari (come educatori professionali, massofisioterapisti, tecnici di laboratorio), che per anni hanno esercitato la professione dopo aver svolto corsi a norma di legge e che già operano nel servizio sanitario nazionale, da un giorno all’altro restino senza lavoro o diventino abusivi. Mettiamo fine al caos normativo che abbiamo ereditato, evitando che questa situazione di indeterminatezza per gli operatori sanitari si ripeta in futuro. Senza togliere diritti a nessuno, impediamo che 20mila professionisti finiscano per strada. Insomma l’articolo di Repubblica è una vera e propria bufala, come spiegato anche qui.

L’emendamento in manovra non è una sanatoria, si tratta di intervenire nell’unico modo possibile per evitare che davvero 20 mila persone e più si ritrovino da un giorno all’altro licenziate o a non poter più esercitare un’attività per cui avevano i titoli previsti dalla legge fino all’entrata in vigore del decreto Lorenzin. Per poter lavorare, queste persone hanno fatto i corsi a norma di legge e sono già nel sistema sanitario, ma oggi rischiano di diventare abusivi. Evitiamo questa assurdità, senza togliere nulla agli operatori iscritti all’albo e senza equipararli a loro. Questo lo scopo dell’emendamento inserito in manovra.

Questo, l’emendamento approfondito tecnicamente e oggetto di interlocuzione costante con le varie sigle, persino con quelle che oggi ergono muri e attaccano. Sigle che sono state ricevute dalla sottoscritta, alle quali ho avuto modo di far presente cosa avrebbe previsto la proposta, e che erano consapevoli dell’esistenza di un problema che andava risolto, ma che hanno ritenuto più opportuno ricorrere a comunicati stampa, invece che a fattive proposte.

Senza un intervento ci saremmo ritrovati nell’arco di pochissimo tempo di fronte ad una vera e propria emergenza sociale. È questo ciò che abbiamo voluto evitare dando la possibilità di continuare a svolgere la propria attività, sia nel caso di lavoro dipendente sia autonomo, a chi abbia svolto un’attività professionale per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni permettendone l’iscrizione in elenchi speciali a esaurimento, sottoposti al controllo dell’ordine.

Si badi bene a non confondere il concetto “elenchi speciali” con “albo”. NON si tratta di iscrizione all’albo, possibile esclusivamente a coloro che ne hanno i titoli, cioè a coloro che hanno conseguito la laurea o titolo equipollente o equivalente. L’elenco speciale ad esaurimento è un registro nel quale inserire coloro che rispondono ai requisiti previsti dall’emendamento, e che abbiamo deciso di sottoporre all’ordine ai fini di un maggior controllo del rispetto dei requisiti richiesti.

Inoltre, NON è prevista in alcun modo l’equiparazione ai titoli (altra informazione errata). L’obiettivo è solo evitare che professionisti di riconosciuta competenza perdano il posto di lavoro. Anzi, a tutela dell’evoluzione del percorso formativo di chi opera nella sanità abbiamo stabilito che non potranno più essere attivati corsi di formazione regionale per il rilascio di titoli ai fini dell’esercizio delle professioni sanitarie. Cosa che finora è stata fatta, non certo per volontà nostra, ma con questo intervento si permetterà di non ritrovarsi in futuro di fronte alla medesima situazione odierna, di tutelare chi ha intrapreso un percorso di laurea, di superare l’indeterminatezza del quadro giuridico normativo creato dai precedenti governi.

Inoltre, resta salva per il lavoratore in possesso di un titolo conseguito prima dell’entrata in vigore della legge 42 del 1999 la possibilità di regolarizzare la propria situazione partecipando alle procedure per il riconoscimento delle equivalenze, da attivarsi a cura delle Regioni. Noi, siamo i primi ad esserci trovati di fronte a leggi che hanno generato tutto questo. Ora ci tocca trovare una soluzione. E questa soluzione ritengo abbia rappresentato il punto di caduta che salvaguarda tutti e non toglie alcun diritto.

Ti piace questo articolo?

Condividilo su Facebook
Condividilo su Twitter

Lascia un commento

Seguimi sui miei canali online
5/5