Ora e sempre NO TAV!

Ora e sempre #NoTAV

Pubblicato da Fabiana Dadone su Sabato 8 dicembre 2018

I parlamentari cuneesi due anni fa erano compatti per riforme costituzionali che personalmente trovavo e trovo surreali. Oggi gli amministratori cuneesi sono compatti per un opera altrettanto surreale: il Tav Torino Lione. Per anni è mancato il CUP dell’opera (quello che avrebbe concesso la tracciabilità dei flussi finanziari dell’opera) e la sottoscritta ha sbloccato la situazione. Per anni “prenditori” privati hanno pensato di poter marciare sulle grandi opere. Scordatevi di poter continuare così con questo governo. Così come quei parlamentari due anni fa erano dalla…

Tav: il Ministro Toninelli conferma l’impegno a ridiscutere l’accordo

Oggi in aula il Ministro Toninelli, rispondendo durante il question time, ha ribadito l’approccio del Governo rispetto alle grandi opere: intraprendere, per ogni opera, un’attenta analisi costi-benefici per la valutazione della sostenibilità effettiva dal punto di vista economico, ambientale e sociale. Il suo intervento in aula: “Con riguardo alla linea ad Alta Velocità Torino-Lione, riporto quanto sottoscritto nel contratto di Governo: ci impegniamo a ridiscutere integralmente il progetto nell’applicazione dell’accordo tra Italia e Francia. Ciò che è notorio è che su questa direttrice non si…

Tav, Delrio baro che gioca alle tre carte

Sul TAV Delrio come il suo compare Renzi è il solito baro che gioca alle tre carte. Ecco perché. Il cosiddetto progetto del “Tav low cost” fu presentato all’interno dell’Osservatorio alcuni anni fa. Da una parte i proponenti di quest’opera inutile e costosissima, danno ragione al Movimento No Tav perché ammettono che la linea storica non è satura e che quest’ultima potrebbe essere utilizzata a pieno regime. Dall’altra pero’ non cambia la sostanza. La cosiddetta “Project Review” prevista dal codice degli appalti va fatta a…

Tav/mafia: Commissione d’inchiesta si muova per audizioni su rapporti politica e ‘ndrangheta

Esiste una informativa dei Ros sulle ‘ndrangheta e sui lavori della Tav relative all’indagine denominata San Michele. Una fitta rete di relazioni e di connivenze ricca anche di cosiddette “aderenze politiche”. Tra questi nomi, apparirebbe anche il senatore pro-Tav e assessore ai trasporti romani Stefano Esposito del Partito Democratico. Lo riportano fonti di stampa che, con sincerità spero si sbaglino o spero non abbiano alcun dato reale. In Commissione di inchiesta sulla mafia abbiamo proposto di ascoltare gli inquirenti e i magistrati che si stanno…