Ad oggi ho restituito 248.561,26€

Quando ero bambina mi raccontavano che il “nulla” avanza se le persone perdono la capacità di sognare.
Io forse sono una sognatrice… ho sempre pensato si potesse cambiare il mondo partendo dal cambiare (in meglio) me stessa.

Ho iniziato l’attività di volontariato in favore delle vittime della tratta schiavizzate nel mercato della prostituzione, pensando che se le avessi liberate una a una dalle loro catene, avrei fatto la mia piccola parte.
Così accadeva ogni venerdì notte, con rientro alle 4 del mattino. Eppure ero carica per trovarmi alle 8 in piazza a montare il banchetto del M5S.

All’epoca eravamo in pochi, ma fare volantinaggio, informazione e raccolta firme ci ha resi parte attiva di un grande sogno. Cambi il Paese se accendi le luci nelle stanze, negli angoli bui.

Attraverso gli anni si è passati dall’essere ignorati al venire derisi, fino all’essere combattuti con ferocia.
L’opposizione è stata un’esperienza difficile e importante, un periodo durante il quale ognuno di noi ha avuto la capacità di fare la sua piccola parte (parlo ad esempio della prima legge approvata in Italia sul whistleblowing o della costituzione della Commissione d’inchiesta sul sistema bancario). E tutti assieme, pur in minoranza, abbiamo ottenuto grandi risultati come la difesa dell’articolo 138 della Costituzione, salendo sul tetto di Montecitorio o un iban per le nostre restituzioni grazie al sit-in davanti al Mef con tanto di tende per la notte.
Se cambi te stessa, inizi a cambiare il mondo, mi dicevo. E ci accorgevamo che in qualche modo stava accadendo.

Adesso, stare al governo e in maggioranza è differente. Abbiamo di fronte nuove sfide.
Si sono anche intensificati gli attacchi, sempre più pesanti. Eppure in questi mesi abbiamo approvato una quarantina di provvedimenti importanti: Reddito di cittadinanza, quota 100, stop alla prescrizione, Spazzacorrotti, carcere per i grandi evasori, i decreti Dignità, Sblocca cantieri, Clima e Genova, solo per citarne alcuni.

Non sarà abbastanza per qualcuno, sarà “nulla” per altri e forse si può fare di più, ma resta un fatto: nessuno ha mai realizzato questi risultati in Italia in così breve tempo, se non a parole.
È facile criticare il M5S, non è facile far credere che siamo stati, siamo e saremo roba da nulla.

Quando ero bambina mi raccontavano che il "nulla" avanza se le persone perdono la capacità di sognare. Io forse sono…

Pubblicato da Fabiana Dadone su Venerdì 3 gennaio 2020

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento