BORGNA E LERDA VOGLIONO “SALVARE” I CDA DEGLI IPAB O GARANTIRE LE POLTRONE AI SOLITI?

Qualche giorno fa ho ricevuto una lettera firmata dal sindaco di Cuneo, Borgna, e dal consigliere Lerda (potete trovarla QUI). La lettera, indirizzata a tutti i parlamentari del territorio cuneese, chiede un impegno a livello nazionale e regionale perché gli Istituti pubblici di assistenza e beneficienza (Ipab) vengano esclusi dagli enti pubblici per i quali non è possibile assegnare a pensionati gli incarichi e le consulenze a titolo oneroso.

Un anno fa, con l’approvazione del decreto-legge n. 90 (riforma della PA), fu introdotta una norma che vieta agli enti pubblici di assegnare incarichi e consulenze ai soggetti in quiescenza. Scelta di assoluto buon senso che però, nel corso dell’esame del provvedimento con il solito tira e molla, è stata modificata con la possibilità di assegnare gli incarichi solo a titolo gratuito, con un rimborso spese, per una durata massima di un anno e comunque non rinnovabile. Grazie alle nostre pressioni inoltre i rimborsi dovranno essere documentati e non forfettari.

La norma, peraltro, a seguito delle interpretazioni adottate dall’Anticorruzione e dalla Corte dei Conti è stata ampliata fino a includere tra gli enti pubblici anche gli Ipab.

Ora Borgna e Lerda sollecitano un intervento perché pare che con questa norma sarà difficile, pressoché impossibile, individuare figure esperte e disponibili a sedere nei consigli di amministrazione degli Ipab cuneesi a titolo gratuito e solo con un rimborso spese documentato.

Che gli Ipab rappresentino realtà importanti per le attività locali a servizio dei cittadini non vi sono dubbi ma che per i loro cda sia così complicato individuare figure di valore e con esperienza che intendano mettersi a disposizione per il proprio territorio e per la propria comunità appare davvero poco credibile.

Questo è quello che ho risposto al sindaco di Cuneo e presidente della Provincia (QUI la mia lettera), aggiungendo che, qualora volessero dimostrare coraggio potrebbero rivolgersi a tutti i pensionati della provincia avviando una selezione trasparente e partecipata. Se la vecchia politica non ha abbastanza esperienza in questo tipo di selezioni aperte noi del M5S siamo ben disponibili a insegnare loro come si fa a  rendere partecipi i cittadini e qualora tra i pensionati non fosse davvero possibile individuare profili esperti, adeguati e anche e disponibili ad un impegno civico, allora segnaliamo l’esistenza di un ampio ventaglio di scelta tra giovani competenti.

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento