Nessuna risposta dal Governo sul caso Michelin di Fossano!

Il Ministero del lavoro mi risponde sul caso Michelin di Fossano e resto basita dalla non-risposta!

Tutti i politici della Granda che si sono prodigati sui giornali dichiarando di aver chiesto un tavolo di crisi hanno MENTITO AI LAVORATORI! Qui è scritto nero su bianco che non è stato richiesto al Ministero NESSUN INCONTRO!

Vista la prima bugia della politica (io non so chi mente: se Ministero o Parlamentari) mi chiedo se i SINDACALISTI DI FOSSANO SONO STATI INVITATI AL TAVOLO???
Lancio un appello ai cittadini per aiutarmi a trovare risposta a questa domanda sperando non ci siano ulteriori bugie.

In ultimo il Ministero assicura massima attenzione al caso Michelin ma non può bastare!!!

Abbiamo chiesto ai Ministeri del Lavoro e dello Sviluppo Economico quali iniziative intendessero presentare all’annunciato tavolo di crisi ma altresì quali fossero le misure che i Ministeri interrogati intendessero assumere per evitare il ripetersi di situazioni analoghe e al fine di tutelare il livello occupazionale.

Dal Governo non c’e’ stata alcuna risposta…

Noi, da semplice opposizione, nella legge di Stabilità del 2014 siamo riusciti a far approvare una norma grazie alla quale i contributi pubblici in conto capitale eventualmente erogati a partire dall’anno 2014 decadranno se l’impresa delocalizzasse in uno Stato non appartenente all’Unione europea entro tre anni dalla concessione degli stessi. Imponendo inoltre all’impresa di restituire tutti i contributi ricevuti.

Ma sarebbero molte le proposte che sarebbe opportuno valutare per tutelare maggiormente i lavoratori, che un Governo resposabile dovrebbe fare. Invece di insistere su riforme come quella del Jobs act che altro non hanno fatto se non rende maggiormente flessibile il mercato del lavoro, a discapito dei diritti dei lavoratori.

Ricordo a tutti che “l’Italia e’ (ancora) una repubblica democratica fondata sul lavoro”.

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento