Sicurezza, le proposte 5 stelle e la risposta del governo

Il M5S, a seguito della conferma da parte del Governo dei minori fondi e risorse destinati alle forze dell’ordine e alla sicurezza interna per l’importo di Euro 491.307.031 milioni, come si evince dal Bilancio di Previsione dello Stato riferito al Ministero dell’Interno (missione Ordine Pubblico e Sicurezza interna), ha presentato diversi emendamenti finalizzati, invece, a:

  • incrementare la spesa per 200 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018 a favore del personale delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;
  • incrementare di 20 milioni di euro per l’anno 2016 la spesa in favore della Polizia di Stato e specificatamente per l’acquisto di automezzi, equipaggiamenti, ecc.;
  • incrementare, al fine di ottimizzare il controllo ambientale e la prevenzione ed il contrasto alla criminalità organizzata, la spesa di 83.000.000 per l’anno 2016 a favore delle forze di polizia e degli enti tecnici preposti alla tutela ambientale, con specifica destinazione di 1,5 milioni di euro da destinare ai controlli incrociati tra i seguenti enti: Camere di Commercio, Agenzie delle Entrate, Agenzia delle dogane, Aziende sanitarie locali – Asl;
  • incrementare la spesa pari a 5 milioni di euro e procedere al trasferimento nella città di Roma del contingente militare attualmente impiegato nei cantieri del TAV e nel sottoattraversamento della città di Firenze per esigenze di prevenzione e contrasto alla criminalità ed al terrorismo durante il Giubileo di Roma del 2016;
  • incrementare la spesa di 20 milioni di euro per l’anno 2016 a favore del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza e per il potenziamento dell’intelligence nazionale;
  • istituire una commissione d’inchiesta sul traffico d’armi, nonchè a sbloccare il turn over nella PA, quindi anche per le forze dell’ordine, i cui contratti sono congelati da ormai 6 anni.

L’obiettivo del M5S era quello di impiegare maggiormente le risorse economiche in favore del personale e delle dotazioni delle Forze Armate in Sicurezza interna ed ordine pubblico e meno per finanziare operazioni internazionali di dubbio valore, come l’intervento in Afghanistan o come la vendita di armi all’estero. La nostra visione è quella di impiegare questo denaro pubblico nel sviluppare e potenziare la sicurezza interna, rendendo più efficiente le nostre forze dell’ordine. Più risorse a beneficio dei cittadini, meno in favore delle Lobby.

Le proposte in questione miravano chiaramente a spostare i finanziamenti previsti per lo sviluppo del settore dell’aereonautico, in cui attualmente è prevalente l’interesse a sviluppare sistemi d’armamento, verso un programma di potenziamento della Sicurezza interna, per la tutela esclusiva dei cittadini.

Ma la maggioranza di questo Governo ha detto no!

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento