Prove tecniche di nuova costituzione a spazi di democrazia azzerati!

In attesa che la riforma costituzionale Boschi annienti del tutto gli spazi di democrazia previsti in questo Paese, la Camera si porta avanti ed emana le nuove norme
di ammissibilità degli atti di sindacato ispettivo.

Si potranno formulare interpellanze e interrogazioni (unici strumenti nelle mani delle opposizioni con funzione di controllo dell’attività del governo) formulati in modo sintetico, essenziale e diretto, focalizzandosi sul quesito rivolto al Governo.

Più precisamente la lunghezza complessiva degli atti non potrà eccedere:

  • a) 1000 parole per le interpellanze urgenti;
  • b) 800 parole per le interpellanze semplici;
  • c) 400 parole per le interrogazioni a risposta immediata (question time);
  • d) 600 parole per le interrogazioni a risposta scritta, orale e in Commissione.

Ove l’atto superi il limite fissato in misura pari o inferiore ad un quarto la pubblicazione dell’atto è sospesa fino all’accertamento della sua ammissibilità.
Ove l’atto superi tale limite, sarà automaticamente dichiarato inammissibile.

Prove tecniche di nuova costituzione a spazi di democrazia azzerati!

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento