TAV: M5S ringrazia la Dda di Torino ma l’Accordo Italia-Francia tutela le ‘ndrine

Gli arresti dell’operazione “San Michele” con cui la Dda di Torino e i Ros dei Carabinieri hanno colpito la ‘ndrina di San Mauro Marchesato, nel crotonese, dimostra la pericolosità di infiltrazioni della criminalità organizzata nei lavori della Torino-Lione.

Pericolosità che però è state ed è tuttora sottovalutata dalla politica. Abbiamo denunciato già in varie sedi, non per ultima quella delle aule parlamentari che con l’Accordo Italia-Francia sulla zona transfrontaliera della Tav, in cui si sottopone l’attività nei cantieri dell’alta velocità all’ esclusiva del diritto francese, resteranno fuori dal nostro Codice Antimafia i compiti e gli strumenti di monitoraggio, inchiesta, lotta e repressione del crimine organizzato di stampo mafioso.

Ringraziano le ‘ndrine radicate in Piemonte e quelle d’oltralpe che, a differenza di quella colpita dalla pregevole operazione dei Ros, saranno così tutelate a norma di legge dalle indagini e dagli strumenti giudiziari della Direzione Nazionale Antimafia.

Il nostro plauso va comunque alle donne e agli uomini delle forze dell’ordine e dell’antimafia che dopo tre anni hanno sgominato l’operazione di accaparramento degli appalti Tav.

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento